Aborigeni - Cultura tradizionale

Gli Aborigeni Australiani sono uno dei pochi popoli nativi la cui cultura è arrivata vivente fino ai giorni nostri. Come tutte le tradizioni antiche è ricca di saggezza e lo dimostra il fatto che ha permesso loro di vivere in armonia con la terra fin dal Tempo del Sogno, il tempo della creazione.

La cultura degli Aborigeni d'Australia ha molto in comune con le culture indigene di tutto il mondo perché è animistica, ovvero insegna il rispetto per la creazione. Per un Indigeno tradizionale alterare l'armonia della terra significa far violenza a sé stesso, perché egli stesso è la terra, l’ambiente naturale, con il quale condivide la propria anima: mai e poi mai venderebbe la propria terra per denaro o interesse economico, perché si priverebbe della propria anima, oltre che della propria dimora.

L'antica saggezza
Secondo la cultura tradizionale l'individuo vive per evolversi, ovvero per imparare l'armonia con la creazione. Per far questo, nel corso della sua esitenza deve ricongiungersi al suo Sognare, cioè allo Spirito Ancestrale da cui proviene. Se, durante la sua esistenza, l'individuo è riuscito a realizzare l'identità con il suo Sognare, che è anche la controparte spirituale del territorio da cui proviene, al momento della morte si ricongiunge a questo Sognare, mentre la sua esperienza evolutiva va ad aiutare l'evoluzione della sua specie totemica e della Terra.

Per gli Indigeni, l'umanità ha il compito di custodire la creazione e custodendo la creazione custodisce sè stessa. La cultura moderna è ben lungi da sentire in questo modo. L'uomo moderno considera l’ambiente come una cosa separata da sé, inanimata, da sfruttare per arricchirsi e lo fa senza alcuna remora. I danni di questo credo sono evidenti: in poche centinaia d’anni di industrializzazione, la civiltà moderna ha portato l’ambiente ad un grado di inquinamento tale da essere pressoché irreversibile.

Questo, per un Indigeno, non è saggio e quindi non è civile. E non è nemmeno segno di intelligenza. Non lo è perché avvelenando l’ambiente, l’umanità compromette la propria sopravvivenza e la sopravvivenza dei propri figli e questo non è intelligente e nemmeno civile. Inoltre non c'è niente di civile nel portare via la terra agli altri, ridurli in schiavitù e fare scempio, cosa che non accade più in Australia ma purtroppo accade ancora in diverse parti del mondo.

È ormai evidente che le nostre leggi non sono una soluzione atta ad evitare l’autoavvelenamento della razza umana. È necessaria la maturità interiore. E allora l'unica via d’uscita sta in un cambiamento culturale, volto a riscoprire la saggezza degli antichi. In questo processo possono ben esserci da maestri i popoli nativi di tutto il mondo, proprio quelli che sono stati quasi completamente spazzati via dalla furia colonizzatrice degli invasori. Essendo entrati in contatto con la nostra civiltà, ne conoscono le problematiche e il vederle nel contesto della cultura antica permette loro di indicarci con maggiore chiarezza la soluzione.

L'animismo
C’è una differenza fondamentale fra la cultura moderna e la cultura indigena. Secondo la cultura moderna, l’uomo è superiore a tutti gli altri esseri viventi, i quali esistono solo per suo uso e consumo. Questa arroganza è tutt’ora supportata dall’insegnamento religioso, che vede nell’uomo un essere superiore, tanto è vero che che all'uomo viene attribuita un’anima, che viene negata ad animali e piante ed in certe culture anche alle donne.

Le culture indigene invece la pensano diversamente. Non a caso vengono genericamente definite “animistiche”. Il termine “animismo” deriva dalla parola latina “anima”. Secondo le culture animistiche tutto ciò che esiste ha un’anima consapevole: animali, piante, rocce, montagne, sorgenti, cascate, stelle, vento, sole, luna ed altro. Tutto ha un’anima, uno Spirito, che è spesso un essere di gran lunga più potente di noi umani e deve trattato con rispetto.

Nell’animismo non c’è separazione fra anima e spirito. Lo Spirito è la sostanza di tutti gli esseri, dunque siamo tutti spiriti. E tutti abbiamo un’anima. Di conseguenza, anima e spirito sono visti come un'unica entità. Esistono però esseri che non hanno un corpo a noi visibile perché hanno una diversa frequenza vibratoria dalla nostra. Questi esseri vengono comunemente definiti “spiriti”. Ce ne sono molti ed hanno solitamente grandi poteri magici. Possono apparire, scomparire, viaggiare sottoterra, spaccare le montagne, cambiare forma e dimensione, insegnare, uccidere, curare e talvolta appaiono come animali che parlano come umani. Queste entità spirituali sono talvolta particolarmente potenti, tanto che possono creare con la loro voce, volontà ed immaginazione. Sono questi gli Antenati Creatori degli Aborigeni Australiani.

Gli sciamani e il Sognare
In tutte le culture animistiche, esistono persone che fanno da intermediari fra gli spiriti e la gente: sono questi gli sciamani, che hanno il compito di mantenere l'armonia nella comunità e fanno ciò accedendo al mondo degli spiriti, abilità che viene acquisita in seguito ad un severo training. Grazie a questo training lo sciamano affina il proprio corpo spirituale al punto che vi si identifica totalmente e viene perciò definito uomo-spirito o donna-spirito. Nella cultura aborigena gli Antenati Creatori vengono talvolta definiti Spiriti Antenati perché sono gente ma sono spiriti, un po’ come lo sciamano. A differenza di quest’ultimo però sono infinitamente più potenti, in conseguenza della loro enorme forza spirituale. Sono questi gli esseri che hanno dato vita a tutto ed insegnato come vivere alle tribù.

Gli Antenati Creatori provengono e dimorano nel Sognare. Lo sciamano Australiano comunica costantemente con gli spiriti e con gli Antenati Creatori e può farlo grazie alla sua capacità di accedere al Sognare. Il Sognare è un tempo senza tempo, che compenetra anche la nostra dimensione. È cioè una dimensione sia sottile che terrena. Nel Sognare dimorano gli Antenati Creatori. Ma il loro potere spirituale è anche in terra, sia negli elementi che hanno creato che in certi luoghi di straordinaria bellezza.

La Creazione
Durante il Tempo del Sogno, il tempo della creazione, gli Antenati Creatori si sognarono in terra per creare materializzandosi dalla loro stessa eternità. Gli Antenati crearono riproducendo fedelmente ciò che esisteva nel Sognare e così la loro creazione era in perfetta armonia. Al termine della loro opera ritornarono da dove erano venuti, lasciando il loro potere spirituale in certi luoghi che sono particolarmente sacri agli Aborigeni Australiani. I luoghi in cui dimora il potere spirituale degli Spiriti Antenati, sono particolarmente sacri agli Aborigeni, perché sono luoghi di sapere. E sono tabù. Sono tabù perché vi possono accedere solo i custodi tradizionali, dal momento che ne conoscono la storia, cioè conoscono l’Antenato che li ha creati e la forza spirituale che esso esprime. Sono in arminia con la sua energia e si dice anche che quando una persona si avvicina ad uno di questi luoghi, questi “conosce” la persona. Se questa persona non è in armonia con il luogo potrebbe anche ammalarsi.

L'energia dei luoghi sacri luoghi sacri agli Aborigeni è talmente potente da entrare eventualmete in serio contrasto con coloro che non sono in grado di sopportarla, perché queste persone vibrano su una diversa frequenza, molto più grossolana rispetto a quella del luogo sacro.

I poteri magici degli sciamani
Le antiche leggende raccontano che la Terra ha già attraversato momenti difficili. In Australia ci fu un tempo di grande siccità e carestia, durante il quale Baiame, Antenato Creatore in New South Wales, tornò dalla sua gente in veste di sciamano per aiutarla ad uscire dalle difficoltà. Se vengono chiamati nel modo appropriato dalla gente tribale e se ce n’è effettivo bisogno infatti gli Antenati tornano fra noi. Ed allora si manifestano come sciamani dai grandi poteri magici.

La cutura aborigena è molto antica ed ha un grande sapere. Gli studiosi, basandosi su reperti archeologici di difficile datazione, hanno stabilito che il popolo Aborigeno è presente in Australia da quarantamila anni. Qualcuno ha anche azzardato l’ipotesi che la presenza Aborigena sul continente Australiano dati almeno centocinquantamila anni ma non sono emersi elementi sufficienti a dimostrarlo, dal momento che è impossibile datare il dipinto rupestre, perché è su pietra. A detta degli Aborigeni invece, essi popolano l’Australia da sempre, ovvero dal Tempo del Sogno, il tempo della creazione.

World Turning - Yothu Yindi
I've been looking for you
Searching for something new
You keep my feet on the ground
As you make my world turn around
Keep sending me signals
Don't let me fall by the way

And while the world
Is turning right
You show me the way
To your heart
'Cause when you call my name
It's like the world
Is turning right...

Burrkuwurrkumi
Raywa raywa raywuyuwa
Wirrkul madayin
Gaywagaywa gaywagaywa
Ditjuman nyaku gayawak
Raliya dhambal ngayili

And while the world
Is turning right
You show me the way
To your heart
'Cause when you call my name
It's like the world
Is turning right...

Come on show me the way
There is no turning back

It's turning right
Well it's turning right...

I've been looking for you
Searching for something new
You keep my feet on the ground
As you make my world turn around
Keep sending me signals
Dopn't let me fall by the way

And while the world
Is turning right
You show me the way
To your heart
'Cause when you call my name
It's like the world
Is turning right


World Turning - Mondo che gira - Yothu Yindi
Ti ho cercato
Cercando qualcosa di nuovo
Tu tieni i miei piedi sulla terra
Mentre fai girare il mio mondo intorno
Continui ad inviarmi segnali
Non lasciarmi cadere lungo la strada

E mentre il mondo
Sta girando nel verso giusto
Tu mi mostri la via
Per il tuo cuore
Perché quando pronunci il mio nome
E’ come se il mondo
Girasse nel vero giusto…

Burrkuwurrkumi
Raywa raywa raywuyuwa
Wirrkul madayin
Gaywagaywa gaywagaywa
Ditjuman nyaku gayawak
Raliya dhambal ngayili

E mentre il mondo
Sta girando nel verso giusto
Tu mi mostri la via
Per il tuo cuore
Perché quando pronunci il mio nome
E’ come se il mondo
Girasse nel verso giusto…

Dai, mostrami la via,
Non c’è un voltarsi indietro

Sta girando bene
Ecco sta girando bene…

Ti ho cercato
Cercando qualcosa di nuovo
Tu tieni i miei piedi sulla terra
Mentre fai girare il mio mondo intorno
Continui ad inviarmi segnali
Non lasciarmi cadere lungo la strada

E mentre il mondo
Sta girando nel modo giusto
Tu mi mostri la via
Per il tuo cuore
Perché quando pronunci il mio nome
E’ come se il mondo
Girasse nel modo giusto…